Carla Petrella

Attrice e regista


Alterna l’attività di regista a quella di attrice ed autrice. Ha curato la regia delle sue commedie “Iellov!”, “Stipsi?”, “Processo”, “Varietà varietà”, “Madame” , “Delitto?”, “Donne”, “Pensione Cincillà”, “Gente da bar”, “Caligini”, ”Transeat”.
In collaborazione con il Centro Internazionale di Studi “Ugo Betti” ha diretto i drammi bettiani “Corruzione a palazzo di giustizia” e “L’aiuola bruciata”, del quale è stata anche interprete. Ha messo in scena “Cantata per la festa dei bambini morti di mafia” il poema di Luciano Violante del quale ha curato l’adattamento e la regia, rivestendo anche il ruolo protagonista, rappresentato per la prima volta nel 2001 alla presenza dell’autore e riproposto a maggio 2006 al Teatro Agorà di Roma. Dal 1996 al 2007 ha diretto il laboratorio di teatro presso la locale Università della terza età. Dal 1998 è chiamata a curare la realizzazione degli spettacoli rappresentati dagli allievi del liceo scientifico "Landi". Tale incarico le è stato riconfermato negli anni successivi fino al 2016; tra gli spettacoli realizzati: “Oh Pasolini! La meglio gioventù”, secondo classificato al “Premio nazionale Michele Mazzella per una drammaturgia giovane”, “Fatti non foste…”, di nuovo secondo classificato al “Premio Mazzella”; “I persiani” selezionato al “Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani” e rappresentato al teatro greco di Palazzolo Acreide e vincitore del premio della critica nell’ambito del concorso “La spiga di Cerere” realizzato dal comune di Cerveteri; “Come la sabbia del mare” selezionato al concorso nazionale “Premio Giorgio Gaber”. Con lo spettacolo “Parola di Campanile si è aggiudicata il “Premio gradimento del pubblico” nell’ambito della manifestazione “Teatro comico d’autore” realizzata dal comune di Albano,”.
Dal 2013, in collaborazione con l'associazione culturale "Sentieri dell'anima" promuove e realizza serate dal titolo "A cena con l'autore", presentando lezioni-spettacolo su poeti e narratori italiani e stranieri. Negli ultimi anni ha curato i laboratori di teatro estivi presso il "Velletri Teatro Festival" dove ha messo in scena gli spettacoli "Pensione Cincillà", "Sotto il cielo di Roma" , "Gente da bar", "Varietà Varietà!" . Ha partecipato in qualità di interprete allo spettacolo "Due suore in fuga", rappresentato presso l'associazione culturale "Ossigeno", per la regia di Sebastiano Colla. Dal 2010 cura in collaborazione con l'associazione "Zona Franca" un laboratorio di teatro integrato per ragazzi disabili presso l'Associazione "Ossigeno". Ha rappresentato a Velletri lo spettacolo "Impronte" di cui è autrice ed unica interprete, per la regia di Sebastiano Colla, presso l'associazione culturale "Ossigeno" e successivamente al Teatro di Terra. Ha partecipato nel 2015 alla riedizione dello spettacolo "Tra le rovine di Velletri" diretto da Renato Carpentieri. Ad aprile del 2017 ha realizzato la regia dello spettacolo "Crime party" ed è stata interprete del dramma "Le serve" di Genet nel ruolo della "Signora" diretto da Luigi Onorato e nel mese di giugno è stata protagonista insieme ad Edoardo Baietti della commedia "Le sedie" di Ionesco diretta da Luigi Onorato.