Il sito non utilizza cookies di profilazione ma solamente quelli necessari al suo buon funzionamento.
Se continui ad utilizzarlo, noi assumiamo che tu ne sia felice.
Continuo

Sito ottimizzato per Mozzilla Firefox e Internet Explorer
 





ultimo aggiornamento 17/08/2018

Mostra su Achille Campanile, prime anticipazioni: parola agli studiosi Angelo Cannatà e Silvio Moretti

I biografi e studiosi dello scrittore rilasciano le loro dichiarazioni in merito alla futura Mostra

Rocco Della Corte



Cannatà  e Moretti con Piera Degli Esposti a Velletri

Nell'ambito della seconda edizione di "Campaniliana 2018", rassegna di teatro e letteratura dedicata ad Achille Campanile che si svolgerà dal 20 al 28 ottobre 2018, presso la Casa delle Culture e della Musica, nella giornata inaugurale verrà aperta la mostra dedicata alla vita e alle opere del grande scrittore. In un programma nutritissimo che vedrà la partecipazione di importanti ospiti, i cui nomi verranno presto ufficializzati, non mancherà la mostra, a cura dei supervisori Angelo Cannatà e Silvio Moretti. “L’esposizione ripercorre le tappe fondamentali della vita del celebre umorista” – dicono i due biografi dell’autore – “presentando al grande pubblico materiale, anche inedito, e diverse novità”. “Sarà possibile conoscere aspetti importanti della vita di Achille Campanile e vedere da vicino scritti, disegni (lo scrittore aveva una grande facilità nel realizzare schizzi molto originali), diari, manoscritti originali e appunti raccolti ovunque, anche su piccolissimi pezzetti di foglio, su buste, biglietti di tram, ricevute d’albergo: questo il patrimonio enorme lasciatoci da Campanile…”. La mostra, che lo scorso anno ha ospitato molti visitatori, ha fatto il giro d’Italia con tappe anche all’estero, grazie alla sapiente proposta di un percorso espositivo sulla vita pubblica e privata dello scrittore. “Accanto agli oggetti più cari allo scrittore, dal monocolo, al cilindro, si potranno ammirare alcuni testi inediti come il manoscritto del romanzo “Benigno”, i bozzetti dello stesso autore per alcuni romanzi, i carteggi con personaggi importanti della cultura e del giornalismo come Curzio Malaparte, Massimo Bontempelli, Dino Buzzati, Giovanni Guareschi, Cesare Zavattini, Orio Vergani e tanti altri. Ci saranno inoltre” – svelano Cannatà e Moretti – “alcune pagine tratte dai minuziosissimi diari che Campanile annotava scrupolosamente, giorno dopo giorno, e che illustrano i momenti fondamentali della sua creatività poetica e la nascita di autentici capolavori, da Se la luna mi porta fortuna ad Agosto, moglie mia non ti conosco a Chiarastella”. La mostra resterà aperta per tutta la durata della manifestazione e l’ingresso è libero. Oltre alle novità svelate dai supervisori Angelo Cannatà e Silvio Moretti, vi saranno anche diversi pannelli espositivi completamente rinnovati: la collaborazione tra il Fondo Campanile e la Sapienza, sulla quale si sta lavorando, porterà infatti diversi nuovi pezzi ‘pregiati’ del corpus fotografico e documentario campaniliano, oltre alla formazione di un’area multimediale con video e immagini touch di articoli e manoscritti di Campanile. Di queste innovazioni, a cura di Gaetano Campanile e Rocco Della Corte, curatori scientifici della Mostra insieme all’Associazione Culturale Memoria ‘900 che figura tra gli organizzatori insieme alla Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri, si daranno a breve maggiori dettagli.