Il sito non utilizza cookies di profilazione ma solamente quelli necessari al suo buon funzionamento.
Se continui ad utilizzarlo, noi assumiamo che tu ne sia felice.
Continuo






ultimo aggiornamento 24/04/2020

Una maratona di lettura per la “Campaniliana” nella Giornata del Libro

Tante le persone che hanno omaggiato al Maestro

Rocco Della Corte




Giovedì 23 aprile è la “Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore” e in tutto il pianeta si organizzano iniziative di lettura e valorizzazione del libro come elemento di creatività e crescita personale e collettiva. L’emergenza coronavirus purtroppo ha imposto le ben note limitazioni e non si è potuto che lavorare in virtuale, ma la “Campaniliana” ha risposto presente celebrando la prima iniziativa on line della rassegna 2020 (mentre il Premio Nazionale Teatrale è già entrato nel vivo con numerosi copioni pervenuti). Su coordinamento del responsabile comunicazione Rocco Della Corte, è stata avviata una raccolta di video per dare vita ad una autentica “maratona campaniliana”: attori, appassionati, lettori, affezionati del Maestro si sono messi in gioco leggendo i brani più significativi di Achille Campanile dal loro punto di vista e con la loro personale interpretazione. Dalle note “Tragedie in due battute” ai passi più lirici di “Cantilena all’angolo della strada”, passando per la proverbiale epigrafe de “Il povero Piero”: tanti sono stati i passi scelti dai lettori per omaggiare un grande del Novecento, che proprio tramite la rassegna “Campaniliana” organizzata dalla Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura, diretta dal M° Claudio Maria Micheli, Memoria ‘900 e Comune di Velletri rivive con le numerose azioni messe in campo nell’arco di tre edizioni. Tutti i video sono stati pubblicati sulla pagina facebook @Campanile e sul sito www.campaniliana, in un’apposita area dove sono visibili tutti insieme. Grande è stato lo share della maratona, con quasi quattromila persone raggiunte in meno di ventiquattr’ore, e il dato è ovviamente in costante aggiornamento perché proseguono le condivisioni, i likes e i commenti. L’evento ha dato il via, in maniera inedita, alla “Campaniliana 2020”, che nonostante l’incertezza non si ferma e anzi rilancia, in una forma diversa, la propria opera di sensibilizzazione e riscoperta della figura di Achille Campanile. A margine dell’evento telematico ha preso la parola la professoressa Vera Dani, referente del Premio e consigliera della Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri, per un commento: “Facendomi portavoce del Comitato organizzatore della “Campaniliana” 2020, ringrazio calorosamente quanti hanno voluto dare il loro contributo alla Giornata Mondiale del Libro, leggendo testi di Achille Campanile. In questo periodo così difficile per tutti è stato emozionante vedere e ascoltare persone che hanno superato le “distanze” con un abbraccio letterario e virtuale nel nome dell'Autore che, ormai da quattro anni, vogliamo ricordare per la sua sottile, brillante, linguisticamente fantasmagorica scrittura! Chissà come avrebbe commentato questo particolare momento che tutto il mondo sta vivendo... mi piace pensare che la sua scanzonata intelligenza ci avrebbe strappato comunque un sorriso e un pensiero positivo! Intanto noi stiamo continuando a lavorare per portare a termine l'edizione 2020 della “Campaniliana”; stiamo ricevendo telefonate da parte di autori che parteciperanno al Premio teatrale e che, con le loro richieste di informazioni e/o rassicurazioni, ci fanno ben sperare. Notevole anche il livello delle compagnie teatrali della UILT, due delle quali rappresenteranno l'opera vincitrice nel 2019, “Cinque panni che si lavano in famiglia”, di Andrea Ozza e “L'acquario, di Claudio Grattacaso”, opera segnalata, che contiamo in tutti i casi di mettere in scena. Vogliamo essere positivi e andare avanti con determinazione e entusiasmo, nonostante tutto! Ancora grazie, cari amici lettori: ci avete fatto un bellissimo regalo...!!”. Per ringraziare i numerosi lettori che hanno partecipato alla maratona con il loro video, Gaetano Campanile, figlio dell’autore, ha fatto a sua volta una lettura di una tragedia in due battute di suo padre, divenuta subito virale con centinaia di visualizzazioni in poche ore. Nei prossimi giorni saranno ufficializzate le ulteriori iniziative per questo bizzarro 2020, che sicuramente avrebbe ispirato il genio creativo del Maestro Campanile con le sfumature inedite di un periodo unico, o quasi, nella storia.